British Gas lascia Brindisi, undici anni sono troppi (e come dargli torto)


Misuriamola in mondiali di calcio: ne sono passati tre, compreso quello della coppa alzata da Lippi e Cannavaro. Era il 2001 quando iniziarono le procedure per la costruzione di un rigassificatore a Brindisi, avrebbe dovuto importare 8 miliardi di metri cubi di metano egiziano nel nostro Paese. Ad oggi ancora niente. Così, da ieri, le attività sono sospese, ha spiegato l’ammministratore delegato Luca Manzella a Radio24 e al Sole 24 Ore oggi in edicola.

La vicenda è eterna e dà ancora una volta la misura di quanto il nostro Paese sappia essere scarsamente attrattivo per gli investimenti stranieri. Un’altra dimostrazione del perchè la banca mondiale ci piazza all’87esimo posto per facilità di fare business. Per Brindisi ci sono volute due autorizzazioni: la prima sotto il Governo Berlusconi nel 2003 senza verifica di impatto ambientale, la seconda con tutti i crismi, chiesta nel 2007 sotto il Governo Prodi e arrivata nel 2010. Senza contare, ovviamente, tutte le resistenze che ci sono state nel frattempo, “più dagli enti locali che dalle popolazioni”, dice Manzella. Sono 250 i milioni di euro già spesi dall’azienda.

Cosa manca ora? Un semplice decreto autorizzativo. Normalmente per un atto di questo genere si impiegano 200 giorni, ad oggi – ha spiegato ancora Manzella – ne sono passati 600. Ci vogliono tra i 3 e i 4 anni per costruire un impianto di quel genere: se anche si partisse domani avremmo il primo gas egiziano nel 2016. Il tempo di quattro mondiali di calcio. Contemporaneamente in Gran Bretagna era partito un progetto gemello: quel rigassificatore è al suo quarto anno di attività.

Annunci

Una Risposta

  1. Reblogged this on nottebuiasenzaluna and commented:
    ecco spiegato da sempre puntuale e ottimo Spezia, semplicemente e senza fazioni il perché:
    a \ nessuno viene ad investire in italia,se non i pazzi psicolabili autolesionisti,
    b \ esiste e prospera la corruzione allo stato solido ed è inutile pensare che si smantella per decreto.
    c \ siamo destinati a morire di fame energetica, visto che oltre a non produrne manco diventiamo “hub” di servizio per l’europa. lavoro quest’ultimo che ci permetterebbe di guadagnare discretamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

PROGRAMMATA

2000 anni di modi di dire "vota per me!"

Roberta Lombardi Cittadina

Just another WordPress site

La Valle del Siele

Appunti dalla frontiera. Agricoltura, mercato, scienze, sviluppo

lpado.blog

Un Blog francamente superfluo

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

tutta colpa di Internet

sentimenti in Rete e connessi disastri

Insopportabile

Ne ho le scatole piene, ma con eleganza.

DataMediaHub

L'informazione sui media come non l'avete mai vista

Mani bucate - Marco Cobianchi

IL LIBRO CON I NOMI DELLE IMPRESE CHE INCASSANO AIUTI PUBBLICI

@lemasabachthani

a trader's “cahier”

Deborah Bergamini

Forza Italia

John Maynard

banche imprese persone

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Nomfup

Only connect

Tutte cose

l'ironia è il sale della democrazia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: