Un sogno finito. Un po’ di dolore


Per la mia generazione e per quelle che mi hanno preceduto gli accordi di Schengen sono stati un momento di festa. L’idea di poter partire da Roma e arrivare fino al sud della Spagna o in nord Europa senza doversi fermare ad un posto di frontiera generava nelle nostre menti (spesso solo in quelle) un’idea di libertà straordinaria.

Oggi i ministri degli interni europei hanno firmato un accordo secondo il quale, a fronte di forti pressioni migratorie sui confini esterni, quelli interni possono essere chiusi. Come si misurano le “pressioni migratorie”? Che livello di arbitrarietà è concesso ai singoli Stati nel prendere una decisione di questo tipo? Facendosi queste due domande, si ha il quadro delle possibili derive di questo memorandum: per come è fatta l’Italia, le frontiere francesi e austriaca potrebbero rimanere chiuse per tutta un’estate. O anche di più.

Ora tocca al Parlamento Europeo ribaltare l’impostazione e magari immaginare di ripristinare la proposta originale della Commissione, secondo la quale queste decisioni si sarebbero dovute prendere a Bruxelles. E’ comunque un brutto segnale, in settimane nelle quali l’altra piccola libertà guadagnata, quella di non dover cercare l’insegna “Change” appena arrivati in aeroporto o stazione, sembra anch’essa in pericolo.

Annunci

Una Risposta

  1. Lo dici a me che negli anni ’80 mi ero pure iscritto al movimento federalista… Ti capisco benissimo.

    La Comunita’ Europea e’ rimasta il MEC con leggi che prescrivono la lunghezza minima delle banane e nessuna integrazione reale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

PROGRAMMATA

2000 anni di modi di dire "vota per me!"

Roberta Lombardi Cittadina

Just another WordPress site

La Valle del Siele

Appunti dalla frontiera. Agricoltura, mercato, scienze, sviluppo

lpado.blog

Un Blog francamente superfluo

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

tutta colpa di Internet

sentimenti in Rete e connessi disastri

Insopportabile

Ne ho le scatole piene, ma con eleganza.

DataMediaHub

L'informazione sui media come non l'avete mai vista

Mani bucate - Marco Cobianchi

IL LIBRO CON I NOMI DELLE IMPRESE CHE INCASSANO AIUTI PUBBLICI

@lemasabachthani

a trader's “cahier”

Deborah Bergamini

Forza Italia

John Maynard

banche imprese persone

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Nomfup

Only connect

Tutte cose

l'ironia è il sale della democrazia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: