Archivi tag: inflazione

Era il 1983 (ma forse anche prima). Redditi al palo.


L’anno dell’attentato a Gino Giugni, del primo Governo Craxi, della scomparsa di Emanuela Orlandi. O, se la memoria vi soccorre meglio, di Vita Spericolata di Vasco Rossi a Sanremo e del primo Vacanze di Natale. Per me anche il secondo scudetto della Roma.

Bisogna tornare al 1983 per vedere una crescita delle retribuzioni bassa come quella si è avuta a marzo: +1,2% su base annua. Un incremento così striminzito non si registrava, appunto, da almeno 29 anni. “Almeno” perché le serie storiche sono ricostruite solo dall’anno precedente: vuol dire che potrebbe essere il dato peggiore chissà da quando.

Non è la sola cattiva notizia che arriva dall’Istat oggi, dopo il già pesante dato diffuso ieri sulla fiducia dei consumatori, scesa a poco più di 89 punti. A preoccupare è il raffronto tra questa crescita dei salari e il livello di inflazione, che su base annua si attesta al 3,3%: la differenza è ormai di 2,1 punti percentuali, la più alta dall’agosto del 1995.

Che dite, smettiamo di radere al suolo il Paese con tonnellate di tasse o tocca morire sotto le macerie?

 

Annunci

Ok, panico: l’Argentina trucca i conti


L’Economist in edicola annuncia che non pubblicherà più i dati ufficiali sull’inflazione in Argentina. Il settimanale spiega che dal 2007 il governo di Buenos Aires diffonde numeri a cui non crede praticamente nessuno e che indicano una crescita dei prezzi al consumo tra il 5 e l’11%: “Economisti indipendenti, uffici provinciali di statistica e sondaggi sulle aspettative di inflazione – si legge – hanno tutti indicato un livello più che doppio”.

Cosa é successo? Che vista la cattiva fama di Paese da iperinflazione, il Governo ha ben pensato di sottomettere l’INDEC (l’istituto di statistica) ai suoi voleri per truccare i dati. E in quello che l’Economist definisce giustamente “uno straordinario abuso di potere per un Governo democratico” sta impedendo agli economisti indipendenti di pubblicare le proprie stime.

Così l’Economist ha deciso di pubblicare i dati che gli fornisce PriceStats, istituto indipendente basato negli Stati Uniti: la stima di inflazione per gennaio é di un +24,5%. Mi chiedo se Buenos Aires non abbia “migliorato” anche altre cifre. Quelle sulla crescita, per esempio. O peggio, quelle sui conti pubblici.


Come è facile notare un discreto peso sulla crescita dei prezzi, stavolta, ce lo hanno avuto le tasse. Alcolici, tabacchi, carburanti. (grafico Istat, qua il link al comunicato)

PROGRAMMATA

2000 anni di modi di dire "vota per me!"

La Valle del Siele

Appunti dalla frontiera. Agricoltura, mercato, scienze, sviluppo

lpado.blog

Un Blog francamente superfluo

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

tutta colpa di Internet

sentimenti in Rete e connessi disastri

Insopportabile

Ne ho le scatole piene, ma con eleganza.

Mani bucate - Marco Cobianchi

IL LIBRO CON I NOMI DELLE IMPRESE CHE INCASSANO AIUTI PUBBLICI

@lemasabachthani

a trader's “cahier”

Deborah Bergamini

Forza Italia

John Maynard

banche imprese persone

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Nomfup

Only connect

Tutte cose

l'ironia è il sale della democrazia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: