Archivi Mensili: settembre 2015

Twitter, tempo di pulizia.


La costruzione di una timeline su Twitter è un processo che non si interrompe mai. La scelta di chi seguire o non seguire non procede in linea retta e spesso tiene conto solo parzialmente dei nostri veri interessi.

Sicuramente sarà successo a qualcuno anche con me: ha visto un mio tweet rilanciato da un’altra persona e quella prima impressione lo ha spinto a cliccare “segui”, ritenendo che mi occupassi essenzialmente dell’argomento del quale ho scritto o che un giornalista di Radio24 potesse essere una fonte di informazione, analisi o commento importante. Poi può aver scoperto che su Twitter mi piace anche fare qualche battuta, giocare, a volte parlare di me stesso e aver deciso, giustamente, che non vale la pena avermi in TL. Oppure che può passare sopra a tutto questo in forza degli altri contenuti che produco.

A volte succede che persone che seguivi esattamente perché producevano determinati contenuti abbiano smesso di farlo, oppure che nella costruzione di questa lista vi possano essere ragioni di “sentimento”: amici o colleghi che ti seguono e che senti di non poter fare a meno di seguire.

Tutto questo peggiora in maniera drastica la qualità dell’informazione e delle informazioni che ricevi, al netto del fatto che lo stesso Twitter, come media o social media o social network, abbia perso un pezzo della sua anima.

Insomma, tutto sta a seguire le persone giuste. E a differenza della vita, nella quale gli errori tendono ad accumularsi e cancellarli diventa piuttosto difficile, in rete si può azzerare tutto o cambiare radicalmente strada.

Dunque – e questo post è essenzialmente per gli amici con i quali ci seguiamo reciprocamente – è arrivato il tempo di fare pulizia. Ho bisogno di questo mezzo per il mio lavoro, per capire e imparare qualcosa di più, per avere punti di vista diversi. Ci sono cose che non mi servono. Su tutte

  • Parlamentari che tuittano che è #lavoltabuona o è #lavoltacattiva, che Renzi fa tutto bene o fa tutto male. Non me ne frega niente: non stanno producendo informazioni, ma fuffa propagandistica. Lo dico senza offesa: è parte del ruolo che hanno e lo comprendo benissimo. Ma non mi serve
  • Persone con posizioni preconcette che si rituittano a vicenda per darsi ragione. L’assenza di dialogo è la morte dei social.
  • Persone trolleggianti (spesso fanno parte della categoria precedente)
  • Persone che sprecano caratteri e spazio della mia TL per parlar male di altri.
  • Persone, spesso giornalisti, che hanno deciso che scrivere come farebbero per Crozza è meglio che scrivere come farebbero per il loro giornale. La battuta ci può stare e quando ha un senso (ossia ci fornisce un taglio di opinione/analisi) ci può stare ancora di più. In troppi esondano.
  • Persone che scrivono male.
  • Persone che scrivono di argomenti dei quali non me ne può fregare di meno.

Ci sono cose che mi servono. Su tutte

  • Informazione generalista
  • Informazione economica
  • Aggiornamenti su come evolve il lavoro di giornalista
  • Analisi economica e di esteri
  • Raramente analisi politica
  • Qualcosa per distrarmi: un filo di poesia ogni tanto, account che mi rilassano, un po’ di letteratura, qualcosa di storia

Seguo 1100 e passa tra persone e organizzazioni, stimo di poter dimezzare entro un tempo breve. E spero che questo mi porti, di riflesso, a migliorare la qualità dei contenuti che produco io stesso. Le mie scuse agli amici o conoscenti che non seguirò più, c’è sempre Facebook che è più adatto ed è più facile scriversi i messaggini.

 

 

Annunci
PROGRAMMATA

2000 anni di modi di dire "vota per me!"

Roberta Lombardi Cittadina

Just another WordPress site

La Valle del Siele

Appunti dalla frontiera. Agricoltura, mercato, scienze, sviluppo

lpado.blog

Un Blog francamente superfluo

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

tutta colpa di Internet

sentimenti in Rete e connessi disastri

Insopportabile

Ne ho le scatole piene, ma con eleganza.

DataMediaHub

L'informazione sui media come non l'avete mai vista

Mani bucate - Marco Cobianchi

IL LIBRO CON I NOMI DELLE IMPRESE CHE INCASSANO AIUTI PUBBLICI

@lemasabachthani

a trader's “cahier”

Deborah Bergamini

Forza Italia

John Maynard

banche imprese persone

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Nomfup

Only connect

Tutte cose

l'ironia è il sale della democrazia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: