Archivi Mensili: maggio 2013

Dire cose come queste, @beppe_grillo, è pericolosissimo


Fonte ANSA

L’imprenditore di Savona, sostenitore del M5S  ”è il secondo del Movimento che si dà fuoco. Non vuol dire ammazzarsi semplicemente: ha un significato politico. Come fanno i bonzi tibetani, per difendere i diritti della loro etnia. Un gesto di eroismo. E il Governo continua a pensare all’Imu. Non capiscono un cazzo!”. Lo dice Beppe Grillo al “Corriere del Ticino”.

Priorità


Adesso la priorità per combatte la violenza contro le donne pare che sia approvare la convenzione di Istanbul, come se non avessimo quintali di trattati internazionali dei quali disattendiamo regolarmente le indicazioni. Iniziamo a fare leggi sulla scorta delle indicazioni della convenzione, poi magari approviamola pure.

Il referendum di Bologna, qualche numero


Per chi volesse capire meglio di cosa si discute a Bologna, ossia del  referendum per togliere l’assegnazione dei contributi alle scuole paritarie private, consiglio vivamente questo pezzo del Post. Perfetto. Dove si legge, tra l’altro, questo

Oltre ai circa 36 milioni di euro per le materne comunali, poco più di un milione di euro è destinato, con il sistema delle convenzioni, alle 27 scuole paritarie private riconosciute dal Comune di Bologna, che sono frequentate quest’anno da circa 1730 bambini: una spesa di circa 600 euro a bambino. Per fare un confronto, nelle scuole comunali la spesa media per bambino è di circa 6.900 euro.

Con i soldi risparmiati dai contributi alle paritarie private si potrebbe pagare la scuola per 144 bambini. Vale la pena?

Che fosse per me


Che fosse per me metterei i pasdaran berlusconiani e gli antiberlusconiani giudiziari su un’isola sperduta in mezzo al pacifico col cibo, l’acqua e tutto quello che serve e gli direi: ok, mo’ scannatevi che noi vorremmo pensare al Paese.

Tali e quali


Via @nomfup. Ma l’asterisco che vor dì?

Nomfup

Sembra una promozione finanziaria.

View original post

IMU, una preoccupazione (ulteriore)


Se ti limiti a sospendere l’acconto e rimandi la revisione a settembre, non sperare che a giugno, luglio e agosto quei soldi verranno spesi. I beneficiari, aziende e proprietari di case, terranno i quattrini fermi per altri tre mesi.

Vittime di loro stessi


Due interviste mi hanno colpito oggi, tutte e due di parlamentari del Movimento 5 Stelle. La prima, sul Secolo XIX, è della deputata Vincenza Labriola e parla della vicenda della diaria

Ormai non posso uscire con mio figlio perché mi gridano: “ladra”. Capito? Questo pensa la gente, per colpa loro. E’ una situazione insostenibile. Ho solo espresso le mie esigenze: se voglio portare mio marito e mia figlia a Roma devo chiedere il permesso? Devo subire la gogna? Nessuno di noi vuole rubare.

La seconda, sul Corriere della Sera, è della senatrice Elena Fattori che recentemente in un post su Facebook aveva parlato di “linciaggio collettivo”. Al giornalista che le chiede a chi si riferisse risponde:

Alle persone che seguono il blog di Grillo, che danno vita a crociate, come in questo caso, che a me non piacciono. La colpa non è di Beppe, ma del popolo che gli gira intorno

Se getti escrementi in un ventilatore, per il tuo bene dovresti rimanere dietro il ventilatore stesso. Il punto è l’aver fatto populismo d’accatto sui soldi della politica mettendoli tutti nello stesso calderone: il Suv di Fiorito insieme al giusto compenso per chi lavora nell’interesse del Paese, per intenderci. E’ giusto, trovo, che chi fa questo mestiere sia ben pagato e abbia la tranquillità di lavorare anche per il mio bene. Se Labriola non ha i soldi per pagarsi un appartamento a Roma con suo marito e salta sedute della Camera, deve fare la pendolare tra la Capitale e Genova o mentre sta votando una legge ha già la testa sul treno o sull’areo che la riporteranno in Liguria, a me cosa ne viene? Il problema, in realtà, non è la quantità di denaro, ma la trasparente rendicontazione. Se fosse stata obbligatoria non avremmo nemmeno avuto un caso Fiorito.

Prefazione (un altro libro su Grillo, un po’ distopico)


grillolandia_400Esce oggi “Benvenuti a Grillolandia“, un libro nel quale Stefano Rizzato ed Eliano Rossi provano ad immaginare come sarebbe un’Italia 100% a Cinque Stelle, con l’applicazione pratica di molte delle idee di Grillo e dei suoi: dal “disordine organizzato”, al delirio di dover votare (on line) praticamente su qualsiasi cosa, passando per la decrescita felice. Mi hanno chiesto una prefazione, eccola

Se avrete il tempo di scorrere dizionari, enciclopedie, libri universitari, noterete che nessuno di questi testi riesce a dare una definizione univoca di “politica”. La risposta classica, facile, con la quale si riesce sempre ad eludere l’imbarazzo della domanda è “l’arte di governare”, che lascia però in sospeso l’altra domanda: cosa vuol dire governare? Siamo daccapo. Ampiamente contestabile da qualsiasi matricola di scienze politiche o anche di ingegneria (non ce l’ho con gli ingegneri, è che non è la loro materia), dirò che per me l’arte della politica sta nel tratteggiare il futuro che si immagina per una comunità, indicare gli strumenti con il quale si intende plasmarlo, convincere la comunità stessa che il futuro che si è immaginato è il migliore possibile. Per raggiungere quest’ultimo obiettivo il primo punto è essenziale: bisogna saper trasmettere una visione, un sogno, un’idea nella quale quella comunità possa riconoscersi. I due progetti politici di maggior successo degli ultimi vent’anni, Forza Italia/PDL e il Movimento 5 Stelle, hanno fatto leva esattamente su questo. Rappresentare il primo Silvio Berlusconi come un venditore di sogni e Beppe Grillo come un puro demolitore del sistema è e continua ad essere un errore. Berlusconi ha saputo raccogliere l’insoddisfazione di una parte del Paese fino ad allora scarsamente o mai rappresentata, stanca di un’Italia lenta, farraginosa, iperburocratizzata, fiscalmente vessatoria, schiava di rituali politici e sindacali anacronistici e ha fatto balenare davanti a questa il sogno di una sorta di “thatcherizzazione” in salsa brianzola e italica. Senza voler fare paragoni troppo forti tra due figure di livello politico così diverso, ci sono frasi della Thatcher che in bocca al Cavaliere non avrebbero stonato: “Ho assunto la carica con un deliberato intento: cambiare la Gran Bretagna da società dipendente a società autosufficiente, da una nazione “dare-a-me” ad una nazione “fai-da-te”. Una Gran Bretagna “alzati e fai”, invece di una Gran Bretagna “siediti e aspetta””.

Sono stato ad un paio di tappe dello Tsunami Tour, il giro delle province d’Italia nel quale Beppe Grillo ha riempito le piazze, rendendomi conto di quanto con la sua operazione, pur essendo meno solido e meno ideologico di Berlusconi, fosse capace di trasmettere il sogno, la visione. Mentre durante la campagna elettorale PD e PDL si scontravano sull’IMU e si confondeva il dibattito sull’Europa con un match tra pro e contro Merkel, Grillo raccontava un futuro fatto di reddito di cittadinanza, di meno lavoro, di wi-fi gratis per tutti, di una pubblica amministrazione all digital, di auto elettriche, di giovani al potere. Sa gettare lo sguardo oltre la siepe, non c’è dubbio, sebbene non sappiamo che strano tipo di occhiali stia indossando. Nello scrivere questa prefazione ho galleggiato molto intorno alla parola “utopia”, perché nell’idea del mondo (del mondo, non del Paese) che il Movimento 5 Stelle sembra perseguire c’è tutta l’ambiguità che Tommaso Moro volle infondere al nome della sua terra immaginaria: luogo del bene, della perfezione, ma anche luogo che non esiste e che, alla fin fine, non può esistere, come dimostra questo libro. Ma il senso del futuro Grillo ce l’ha e questo è tutto meno che antipolitica.

E mi dispiace tanto


E mi dispiace tanto, perché quelli che volevano Rodotà, ma anche quelli che volevano Prodi o Marini, quelli che hanno votato la fiducia e quelli che lo hanno fatto storcendo la bocca e quelli che sono usciti, i dalemiani, i veltroniani, i giovani turchi e, toh, pure i renziani e ora, chissà, i cuperliani, epifaniani, civatiani, ora mi sembrano tutti protagonisti della dissoluzione di un bel sogno, che forse non era neppure il mio, ma quando svaniscono i sogni è sempre un peccato.

PROGRAMMATA

2000 anni di modi di dire "vota per me!"

Roberta Lombardi Cittadina

Just another WordPress site

La Valle del Siele

Appunti dalla frontiera. Agricoltura, mercato, scienze, sviluppo

lpado.blog

Un Blog francamente superfluo

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

tutta colpa di Internet

sentimenti in Rete e connessi disastri

Insopportabile

Ne ho le scatole piene, ma con eleganza.

DataMediaHub

L'informazione sui media come non l'avete mai vista

Mani bucate - Marco Cobianchi

IL LIBRO CON I NOMI DELLE IMPRESE CHE INCASSANO AIUTI PUBBLICI

@lemasabachthani

a trader's “cahier”

Deborah Bergamini

Forza Italia

John Maynard

banche imprese persone

Mazzetta

Ce la possiamo fare

Nomfup

Only connect

Tutte cose

l'ironia è il sale della democrazia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: